Elysium: un esordio che farà la felicità degli amanti del genere symphonic female vocals.

Buone notizie per gli amanti delle female vocals con l’arrivo di questo “Labyrinth of Fallen Angels” degli Elysium, nuovo act che si affaccia sul mercato discografico mostrando subito qualità interessanti.

La band italiana, originaria di Orvieto, inserisce sonorità sinfoniche e gotiche ma anche folk e progressive con l’uso di strumenti classici come il violino per ottenere un sound caro ai primi Within Temptation e Nightwish ma con un tocco già abbastanza personale. Il tutto poggia sulla voce di Daphne Nisi (Baraonna) che mostra tutte le sue qualità lungo la tracklist che si presenta abbastanza dinamica con brani come “Turn Around” che mette in luce le doti di questi musicisti grazie a melodie malinconiche capaci di entrare subito in testa. Un brano ineccepibile grazie a cambi di tempo e orchestrazioni fino ad un finale dove piano e violino ci accompagnano con una forte dose emotiva. Le sonorità progressive escono forte con i ritmi ricercati di “Higher State” e se “Black Hole” e la power ballad “Close To You” suonano fin troppo canoniche ci pensa “Evanescent” ad appassionare con calde e intense melodie esaltate dal violino che è protagonista anche nella vivace “Nobody Knows”, bel brano in chiusura del disco.

Gli Elysium rompono il ghiaccio con un esordio valido che mette subito in chiaro che la band umbra ha le carte in regola per attirare più di qualche attenzione su di sé.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial